Soggiorno per anziani a Salsomaggiore Terme

Familydea Blog
Soggiorno per anziani a Salsomaggiore Terme

Il soggiorno assistito è una vacanza di tipo protetto, dedicata ad anziani fragili con un buon livello di autosufficienza, nella quale il tuo caro può passare un momento di serenità, nella sicurezza di avere un referente qualificato che si occupa delle sue esigenze per tutta la durata del soggiorno.

Nello stesso periodo tu, che ti prendi cura di lui costantemente, puoi prenderti un periodo di tranquillità per riposare e ricaricare le tue energie.

Luogo del soggiorno

A solo 1 ora e mezza di macchina da Milano, Salsomaggiore Terme sorge ai piedi delle verdeggianti colline dell’Appennino parmense, in una posizione geografica suggestiva e pittoresca, lontano dai grandi centri industriali ma facilmente raggiungibile grazie agli efficaci collegamenti stradali e ferroviari.

Il clima temperato in ogni stagione e l’ambiente naturale circostante rendono sempre piacevole il soggiorno a Salsomaggiore Terme. A pochi chilometri da Fidenza, percorsa da viali alberati e adornata da parchi e giardini, Salsomaggiore è la perla della provincia di Parma, e une delle località più intriganti della regione Emilia Romagna.

Approfondisci le informazioni sul servizio offerto

 

Furti in casa: come proteggerci e partire sereni

Familydea Blog
Furti in casa: come proteggere la propria abitazione e patire sereni

 

La bella stagione è finalmente arrivata e le tanto agognate vacanze estive cominciano ad avvicinarsi! Divertimento per i bimbi, relax per noi, nuove energie per tutti sono gli obiettivi dell’Estate 2019 ma, mentre programmiamo il nostro viaggio o un pensiero può raggiungerci e mettere in discussione anche la più bella delle vacanze… la nostra casa sarà al sicuro?

È quel tipo di domanda che può colpirti dopo che sei partito e non lasciarti in pace fino al ritorno! È noto, infatti, che il maggior numero di furti si verifichi proprio in concomitanza della stagione estiva, quando le case sono disabitate e il rischio di essere scoperti si riduce.

Esiste un modo per andare in vacanza tranquilli e senza pensieri? Certamente! È importante comprendere che la sicurezza è legata anche a specifici comportamenti: i nostri.

I buoni comportamenti per evitare i furti in casa

  1. Preferire vacanze brevi e ripetute piuttosto che lunghi periodi fuori casa. Se lavoro e impegni lo consentono, evitare di lasciare la casa scoperta per troppi giorni e dare l’idea di esserci sempre è un ottimo modo per scoraggiare eventuali avventori
  2. Attivare uno scambio di attenzioni con i vicini e far sembrare la casa abitata. Quando siamo in vacanza, i vicini di casa possono essere i nostri migliori alleati, dei custodi a distanza ravvicinata. Orecchie e occhi aperti, per allertare le forze dell’ordine in caso di rumori o movimenti sospetti; per ritirare la posta (la posta accumulata è uno degli indizi visibili che confermano il fatto di non essere in casa da giorni…); per aprire ogni tanto le finestre o accendere radio e TV
  3. Non lasciare in casa soldi e gioielli se non in una cassetta di sicurezza. Qualora non si abbia una cassaforte e alternative valide, un’ottima idea è quella di fotografare gli oggetti di valore prima di partire, in modo da facilitare il lavoro alle Forze dell’Ordine nel caso di recupero della eventuale refurtiva.
  4. Se possibile dotatevi di porte blindate e inferriate. Le prime da chiudere bene perché spesso con una semplice lastra è facile aprirle e per le finestre le inferriate sono un deterrente che rende il compito dei ladri molto più arduo

E l’assicurazione?

Sembra superfluo dirlo, ma è sempre un’opzione caldamente consigliata.

La polizza HABITAS+ di ITAS protegge la tua casa in ogni occasione, anche dai furti con la garanzia facoltativa: risarcisce i danni causati dal furto degli oggetti custoditi in casa e i guasti commessi dal ladro durante il furto. Copre gli oggetti di valore e quelli di uso quotidiano. Comprende scippo e rapina, rifacimento documenti, sostituzione serratura.

HABITAS+ è un prodotto ITAS MUTUA. Prima della sottoscrizione leggi il set informativo disponibile in agenzia o su gruppoitas.it.

Vacanze per anziani fai da te: accessibilità e risparmio

Familydea Blog

Aumentano sempre di più gli over 65 che vogliono concedersi momenti di divertimento, dedicarsi ai propri interessi e, in particolare, viaggiare: al mare, in montagna o al lago, in ogni stagione dell’anno.

I professionisti del settore, come tour operator e agenzie di viaggi, si sono evoluti per rispondere ad un mercato in crescita e propongono soluzioni attente non solo alle diverse esigenze degli anziani, ma anche alle possibilità economiche degli stessi e dei loro familiari.

Organizzare una vacanza per anziani risparmiando: 5 aspetti di cui tener conto

Ecco una guida pratica degli aspetti da considerare quando si organizza una vacanza per anziani:

  1. Prediligere una vacanza al di fuori dei periodi di alta stagione: una garanzia per trovare località meno affollate e, soprattutto, tariffe di bassa stagione. L’ideale sono i mesi di aprile/maggio e settembre/ottobre per una vacanza al mare e da giugno a settembre per i soggiorni in montagna.
  2. Selezionare una destinazione che soddisfi più interessi della persona anziana: le possibilità possono essere diverse, ad es. città culturali e mete di tipo religioso o luoghi di relax e svago. L’importante è riuscire ad unire più attività, come la visita di monumenti e chiese, e organizzare una gita complessiva della città. Si raccomandano itinerari e percorsi agevoli e non troppo faticosi, rispettando la regolarità dei pasti e le opportune pause.
  3. Valutare soggiorni di gruppo per anziani come alternativa alla vacanza in famiglia: un’occasione sia per fare nuove amicizie sia per viaggiare con una spesa più conveniente rispetto ad una vacanza individuale. Reperibilità di un medico e costante presenza di un team di accompagnatori assicurano un periodo di sollievo in totale sicurezza.
  4. Optare per il mezzo di trasporto più appropriato e più conveniente: risparmiare viaggiando in pullman. Attenzione ad evitare viaggi troppo lunghi, non superiori alle 3 o 4 ore e alla dotazione del mezzo:  bagno interno, presenza di un accompagnatore in grado di rispondere ai bisogni degli anziani e di una guida turistica che funga da intrattenimento durante il viaggio. Da tenere in considerazione sono anche tutte le agevolazioni riservate ai Senior rispetto ai treni nazionali.
  5. Individuare la struttura più idonea ai bisogni dell’anziano: in caso di vacanze di gruppo è opportuno individuare alloggi che possano accogliere il gruppo per intero, per poter ricevere prezzi agevolati sul soggiorno. Non solo, è necessario che la struttura scelta sia adatta alle esigenze di autonomia e sicurezza, in termini di accessibilità degli spazi, bagni attrezzati e, se necessario, di servizi alla persona ad hoc.

Ora, non ti resta che scegliere la vacanza più adatta alle tue esigenze e partire! 

le offerte di Vacanza Assistita per questa Estate 2019

Soggiorno assistito a Varazze, il giusto connubio tra mare e collina

Familydea Blog
soggiorno assistito a varazze

Il soggiorno assistito è una vacanza di tipo protetto, dedicata ad anziani fragili con un buon livello di autosufficienza, nella quale il tuo caro può passare un momento di serenità, nella sicurezza di avere un referente qualificato che si occupa delle sue esigenze per tutta la durata del soggiorno.

Nello stesso periodo tu, che ti prendi cura di lui costantemente, puoi prenderti un periodo di tranquillità per riposare e ricaricare le tue energie.

Luogo del soggiorno

A sole 2 ore da Milano, si sviluppa il borgo ligure di Varazze situato tra mare e entroterra. La sua bellezza è data dalla sovrapposizione di stili ed epoche differenti. La città è esposta alle vivaci e fresche brezze del mar ligure nei pomeriggi estivi, per questo gode di un clima mite con temperature primaverili durante tutto l’anno.

L’hotel è caratterizzato da una terrazza sul mare, che consentirà al tuo caro di godere della brezza marina anche nei mesi più caldi.

Approfondisci le informazioni sul servizio offerto

 

Constatazione amichevole: cos’è e quando conviene farla

Familydea Blog
constatazione amichevole

Nonostante tutte le nostre buone intenzioni, non è sempre possibile evitare un incidente stradale perché, in effetti, non dipende esclusivamente da noi.

Incappare in un sinistro, anche di lieve entità, può generare stress e agitazione e per questo è importante sapere in anticipo come comportarsi. 

Nei casi di sinistro in cui le responsabilità siano definite pacificamente dalle persone coinvolte si può semplificare il processo di denuncia utilizzando la Constatazione Amichevole (CAI)

Cos’è la Constatazione Amichevole

La constatazione amichevole è un modulo (cd modulo blu) che viene fornito dalla compagnia assicurativa con la quale è sottoscritta la polizza di RCA-responsabilità civile auto e si può usare per denunciare un sinistro.

Nel modulo blu si può descrivere dettagliatamente l’incidente e la dinamica con il quale si è verificato. Compilare correttamente il modulo consente di semplificare e accelerare le pratiche di risarcimento danni inoltrando la richiesta di rimborso alla compagnia di assicurazione, invece che all’Assicurazione del veicolo responsabile ai sensi della procedura di risarcimento diretto.

Guida alla compilazione

Il modulo è prestampato e molto semplice da compilare. Le informazioni da inserire sono diverse, ma alcune sono fondamentali:

  • Luogo e data del sinistro
  • Dati anagrafici dei conducenti
  • Dati anagrafici dei contraenti la polizza
  • Dati delle rispettive compagnie assicuratrici
  • Descrizione delle dinamiche del sinistro
  • Danni riportati dalle autovetture
  • Citazione di eventuali testimoni, con le relative generalità
  • Citazione di eventuale verbale della polizia

Il CAI deve essere possibilmente firmato da entrambi i conducenti coinvolti nell’incidente. Attenzione, però, a firmare il modulo in modo troppo avventato perché se si commette un errore, modificare il documento una volta inoltrato alle assicurazioni è molto difficile! E’ consigliato essere particolarmente attenti nel caso in cui ci si trovi al primo incidente e nel caso in cui, magari per volontà dell’altro conducente coinvolto, non si sia provveduto a chiamare le autorità.

Soggiorno assistito a Santa Marinella, il mare bello in provincia di Roma

Familydea Blog
soggiorno assistito a santa marinella

Il soggiorno assistito è una vacanza di tipo protetto, dedicata ad anziani fragili con un buon livello di autosufficienza, nella quale il tuo caro può passare un momento di serenità, nella sicurezza di avere un referente qualificato che si occupa delle sue esigenze per tutta la durata del soggiorno.

Nello stesso periodo tu, che ti prendi cura di lui costantemente, puoi prenderti un periodo di tranquillità per riposare e ricaricare le tue energie.

Luogo del soggiorno

A meno di un’ora da Roma, Santa Marinella è da molti denominata la perla del Tirreno, soprattutto grazie alla sua particolare posizione sul mare, alle acque limpide e al clima ideale, addolcito nei mesi estivi dall’aria fresca che scende dai Monti della Tolfa. Tutte queste caratteristiche la rendono una città veramente predisposta al turismo.

Nel pieno centro storico della città, sovrastata dalla sagoma maestosa del Castello Odescalchi, una tra le più belle dimore rinascimentali d’Europa, è situato il Porto Turistico, Marina di Santa Marinella, un porto moderno in una darsena che ha il sapore dell’antico.

La città gode di tutti i servizi e le attività commerciali necessarie per un felice soggiorno.

L’hotel è caratterizzato da una terrazza sul mare, che consentirà al tuo caro di godere della brezza marina anche nei mesi più caldi.

Approfondisci le informazioni sul servizio offerto

 

Come fare per sostituire la badante quando va in ferie?

Familydea Blog
sostituire la badante

Arriva l’estate e anche per i nostri preziosi collaboratori domestici si avvicina il momento di preparare le valigie e godersi il loro meritato periodo di pausa dal lavoro.

Se per le faccende di casa, però, possiamo chiudere un occhio e “arrangiarci” per qualche giorno, lo stesso non si può dire quando si tratta dell’assistenza di un nostro familiare non autosufficiente che deve essere seguito in maniera continuativa, seria e accurata.

Si sa, trovare una sostituzione della badante non è mai semplice, ancor meno se la cerchiamo per brevi periodi di tempo.

Cose da sapere

Per evitare spiacevoli inconvenienti e gestire correttamente il periodo delle ferie il gestore di lavoro deve sapere che a ogni anno lavorato da colf o badanti corrispondono 26 giorni di ferie, che si tratti di un domestico convivente o a ore. 

Per trovare una badante o sostituirla anche per periodi limitati possiamo rivolgerci a servizi qualificati, specializzati nella ricerca e sostituzione di badanti. Le Agenzie selezionano e propongono, sulla base delle esigenze espresse, una rosa di candidati per la famiglia che, con una prima scrematura già effettuata, deve solo approvare la figura più idonea. Individuato il collaboratore, il datore di lavoro dovrà pagare all’agenzia solo il servizio poiché, di fatto, il contratto di lavoro sarà stipulato tra l’agenzia di somministrazione e il lavoratore stesso.

Le offerte per i servizi di sostituzione badante

 Una valida alternativa alla sostituzione del personale badante che deve andare in ferie, possono essere le Vacanze Assistite per anziani, soggiorni con soluzioni personalizzate,  adeguate al grado di autosufficienza del nostro caro, organizzate presso strutture accoglienti e in località di grande richiamo e confortevoli anche d’estate.

Le offerte di Vacanze Assistite Estate 2019

 

Un calcio agli infortuni: come divertirsi senza farsi male

Familydea Blog
infortuni calcetto

La partita di calcetto o “calcio a 5” è una delle grandi passioni di molti italiani: chiusura felice di una giornata di lavoro o parentesi ludico-sportiva per tantissimi giovani e non. Capita spesso, tuttavia, che una partita iniziata in allegria si trasformi in una spiacevole esperienza. Ogni anno si registrano oltre 45.000 infortuni sui campi di calcio, con un picco nei mesi di maggio e giugno, periodo in cui si disputano la maggior parte dei tornei di calcetto.

Il gol più importante è quello per te stesso

Per evitare che un’occasione di sport e divertimento in compagnia di amici finisca con qualche imprevisto, è fondamentale rispettare alcune semplici regole:

Indossa gli scarpini adatti. Le scarpe da jogging o quelle per il tempo libero non sono assolutamente adatte per giocare a pallone, è importante indossare scarpe specifiche per il calcetto in modo da ridurre al minimo rischi di slogature, distorsioni e, tra l’altro, migliorare il proprio rendimento atletico

Fai riscaldamento muscolare prima di iniziare. Almeno 15-20 minuti di stretching possono permettere alle articolazioni di reagire meglio ad eventuali traumi

Non limitarti ad un giorno di sport a settimana. È importante che il nostro corpo si abitui allo sforzo che dovrà sopportare durante tutta la partita, per questo è consigliato impegnare almeno un’altra ora durante la settimana per effettuare esercizi in palestra o a casa

Scegli un campo da gioco con fondo naturale. I campi in terra e erba consentono di attutire le cadute, cosa che è invece impedita in un fondo sintetico

Rispetta il fair play. Giocare duro nel calcio non serve a nulla se non ad aumentare il rischio di incorrere in una brutta lesione. Si può vincere benissimo rispettando il fair play

 A tutto il resto ci pensa PERTE, la polizza pensata da ITAS per proteggerti dagli infortuni che possono accadere durante il lavoro e il tempo libero, anche durante lo sport.

PERTE è un prodotto ITAS VITA. Prima della sottoscrizione leggi il set informativo disponibile in agenzia o su gruppoitas.it

Cosa significa Telemedicina

Familydea Blog

La Telemedicina rappresenta l’insieme di tecnologie e strumenti che, in ambito medico, possono riguardare un parere, una diagnosi, una prescrizione, il trattamento e il monitoraggio di un paziente realizzato tramite una connessione Internet, strumentazioni e video.

Ormai non sembra più fantascienza, se pensate che già negli Stati Uniti degli anni ’70 alcuni medici usavano un apparecchio televisivo a due vie per inviare i dettagli degli esami neurologici per farle visionare ai loro studenti di medicina. Mentre, la NASA aveva realizzato sistemi di monitoraggio a distanza delle condizioni cliniche degli astronauti impegnati nelle missioni spaziali.

Oggi tutto è agevolato dalla diffusione capillare di computer, tablet e device portatili, che hanno acquisito funzioni sempre più sofisticate, da una nuova generazione di sensori connessi in rete, dallo sviluppo di misuratori portatili, APP, smartphone, piattaforme per videoconferenza che mettono in collegamento diretto con i medici curanti e riducono il numero di visite da effettuare di persona.

La Telemedicina in Italia

Nel nostro Paese la Telemedicina si sta diffondendo molto lentamente: molti ospedali hanno dato vita a progetti-pilota e sperimentazioni, tuttavia manca ancora “una piattaforma integrata di conoscenze, competenze e saperi condivisi dagli stakeholder, dalle istituzioni, dagli enti di ricerca e dalle industrie per condividere un processo lungo, ma assolutamente indispensabile in una sanità che sta cambiando“, per usare le parole del presidente dell’ Associazione Italiana di Sanità Digitale e Telemedicina.

Sono invece molti i software e i tool realizzati da società private, le organizzazioni che come Health Point S.p.A. in stanno investendo in questo campo: la speranza è che – come spesso accade in Italia – il privato funga da traino per il pubblico, soprattutto se si pensa ai notevoli risparmi che la telemedicina potrebbe portare al SSN se fosse adottata in maniera capillare.

Che cos’è una Vacanza Assistita per anziani?

Familydea Blog
vacanza assistita per anziani

La vacanza assistita per anziani è la risposta per chi cerca una soluzione di assistenza estiva per se stessi e per i propri cari.

Con la stagione estiva, scegliere una vacanza assistita può essere una valida opportunità di sostituzione del personale badante che deve andare in ferie e un’occasione per i caregiver familiari di prendersi un periodo di pausa, dopo aver prestato aiuto al proprio caro durante tutto l’anno. Concedersi una pausa significa recuperare non solo per sé stessi ma anche per la persona anziana: forza fisica e resistenza psicologica sono alla base delle risorse necessarie da mettere in campo quando si assiste qualcuno.

Per una buona vacanza assistita, è necessario individuare strutture specializzate in grado di offrire soggiorni con soluzioni personalizzate e adeguate al grado di autosufficienza della persona anziana. Infatti, per una vacanza su misura è importante valutare in primis il grado di autosufficienza della persona coinvolta.

Caratteristiche di qualità di una vacanza assistita per anziani Autosufficienti

La vacanza assistita per anziani autosufficienti è un’opportunità per chi voglia beneficiare di un periodo di ferie in piena sicurezza e limitando ogni rischio. In questo caso, alcune caratteristiche delle strutture dedicate al soggiorno hanno parametri fondamentali:

  • essere in prossimità di aree verdi, farmacie e attività commerciali così da consentire una certa autonomia degli ospiti;
  • piena accessibilità degli spazi con le zone reception, ristorante, camere private e gli spazi comuni comunicanti, privi di barriere architettoniche o, in alternativa, dotate di dispositivi per superarle con facilità come pedane, montascale, ascensori per i piani superiori con comandi semplificati, accessi facilitati;
  • camere con dispositivi di emergenza in prossimità del letto e all’interno del bagno per contattare il personale della struttura;
  • bagni “in sicurezza” con tappetini antiscivolo, maniglie di sostegno, docce con entrata facilitata;
  • servizi dedicati come servizio nella stanza, servizio di transfer interno o taxi con convenzione;
  • menù personalizzabili in base alle esigenze dell’anziano (dieta per diabete, ipertensione o allergia alimentare).

Se l’ospite ha problemi di deambulazione o si sposta con la sedia a ruote, è indispensabile verificare che:

  • tutte le aree abbiano accessibilità al 100%;
  • le stanze e i bagni abbiano sufficiente spazio di manovra;
  • che sia sempre in loco personale qualificato pronto all’intervento in caso di guasti e urgenze.

Caratteristiche di qualità di una vacanza assistita per anziani Non autosufficienti

La vacanza assistita per anziani non autosufficienti richiede maggiori attenzioni, non solo rispetto alla struttura, ma anche riguardo ai servizi di assistenza per la persona che necessita di continuità di cure.

Le strutture predisposte devono poter offrire:

  • supporto per le persone con difficoltà a deambulare;
  • personale paramedico per la somministrazione delle terapie su base giornaliera;
  • percorsi di riabilitazione;
  • diete studiate su misura;
  • accompagnamento alle visite con personale specializzato.

L’accoglienza deve tener in considerazione i diversi deficit (visivi, deambulatori, cognitivi, ecc..) che accomunano le persone anziane e deve disporre di personale di accompagnamento qualificato.

In Italia, sono molte le strutture che si stanno predisponendo a questo tipo di offerta e le realtà come B&C Travel che si sono specializzate nell’organizzazione di questi pacchetti vacanza. Se vuoi saperne di più cerca tra

le offerte di Vacanza Assistita per questa Estate 2019