Articoli

Infortuni estivi: i consigli per evitare di mettere a rischio le nostre vacanze

Familydea Blog
infortuni estivi

Giornate più lunghe, temperature più alte (anche troppo), vacanze all’orizzonte e quel desiderio quasi irrefrenabile di trascorrere il nostro tempo libero all’aria aperta.
L’estate porta con sé molti benefici e nuove energie che possiamo investire come preferiamo: una passeggiata nel bosco, un tuffo al mare, attività sportive…le possibilità, soprattutto nel nostro Paese, sono molteplici così come gli infortuni che sono dietro l’angolo e potrebbero mettere a rischio i nostri piani.

Ma quali sono i pericoli principali in cui possiamo incorrere d’estate?

Per chi sceglie di passare una giornata al mare la presenza di scogli o i fondali appuntiti possono rappresentare un’insidia. La soluzione per ridurre al minimo il rischio di farci male, in questi casi è semplicissima: dobbiamo ricordarci di indossare un paio di scarpette adatte così non avremo contatti diretti con scogli, fondali e ciottoli, potremo usarle per fare immersioni, per camminare e sono da consigliare a tutti, adulti e bambini!
Per gli amanti dello sport, una corsa sulla spiaggia o una partita con gli amici a beach volley e beach soccer può essere irrinunciabile. In questi casi, il consiglio è di prestare la massima attenzione ed evitare atteggiamenti imprudenti.

Ma non esistono solo gli incidenti da spiaggia, se abbiamo scelto una vacanza in montagna, la parola d’ordine è escursioni. Queste passeggiate immerse nella natura, sono assolutamente consigliate sia per la salute fisica che per quella mentale. Uno degli infortuni più frequenti che può colpire l’escursionista è la distorsione alla caviglia: ci si imbatte in sentieri non asfaltati, in salita o in discesa dove il terreno è spesso instabile. In queste circostanze i bastoncini da trekking diventano un valido alleato. Utilizzati correttamente, infatti, assicurano un maggiore equilibrio durante la camminata e molta più stabilità in fase di discesa soprattutto nel caso di zaino pesante.

Oltre agli opportuni accorgimenti e il richiamo in ogni caso alla prudenza, per trascorrere al meglio le nostre vacanze e sentirci protetti in ogni circostanza, il consiglio è di stipulare una polizza assicurativa che ci protegga dagli infortuni.

ITAS con PER TE ha pensato ad una polizza su misura in grado di tutelare dagli infortuni che possono accadere durante il tempo libero.

PER TE è un prodotto ITAS VITA. Prima della sottoscrizione leggi il set informativo disponibile in agenzia o su gruppoitas.it

Come proteggersi dal sole e dagli imprevisti!

Familydea Blog

L’estate rappresenta un po’ per tutti l’occasione per trascorrere più tempo all’area aperta favorendo, in questo modo, le esposizioni solari. Ma come possiamo prepararci a una corretta esposizione e allontanare il rischio di eritemi e scottature?

Prendere il sole proteggendo il benessere della pelle è possibile, basta seguire pochi ma essenziali accorgimenti:

🌞 Abitua gradualmente la pelle al sole. Evita un’esposizione troppo prolungata e mai nelle ore più calde della giornata, dalle 11.00 alle 15.00.

🌞 Proteggi sempre la pelle di viso e corpo. Qualunque area di pelle venga esposta ai raggi solari dovrebbe essere coperta dalla protezione solare, anche quelle zone come le orecchie, il collo, le punte dei piedi e delle mani e  il cuoio capelluto. Il viso, inoltre, ha un bisogno maggiore di protezione solare rispetto al resto del corpo: se hai intenzione di restare all’aperto per più di 20 minuti dovresti applicare una crema specifica.

🌞 Applica la protezione prima di esporti al sole. Applica la protezione almeno 30 minuti prima dell’esposizione cosicché venga assorbita dalla pelle che, oltretutto, in questo modo non viene esposta ai raggi durante quei minuti iniziali in cui è più vulnerabile.

🌞 Applica la protezione anche se non ti esponi direttamente al sole. I raggi ultravioletti raggiungono la pelle anche attraverso le nuvole o l’ombrellone e sono riflessi dall’acqua, la sabbia o la neve.

🌞 Riapplica la crema solare dopo esserti bagnato, ogni 2 ore o come indicato sulla confezione. Mettere la crema una volta, non significa essere coperti per tutto il giorno.

🌞 Scegli una crema solare “ad ampio spettro” e resistente all’acqua. Un prodotto solare ad ampio spettro assicura la protezione sia dai raggi UVA che dagli UVB: i raggi UVA sono presenti durante tutto l’anno e penetrano in profondità fino al derma; i raggi UVB sono presenti soprattutto da aprile a ottobre e colpiscono gli strati più esterni della pelle e sono responsabili di rossori e scottature. Un prodotto resistente all’acqua, invece, è testato per mantenere la sua capacità protettiva anche dopo un’immersione di 40 minuti. In ogni caso, nessuna protezione è totalmente “resistente all’acqua” quindi è necessario riapplicarla ogni 40-80 minuti o come indicato sull’etichetta.

🌞 Applica prodotti doposole per lenire e idratare la pelle. Il doposole aiuta a ristabilire le condizioni fisiologiche ottimali, tende a evitare l’invecchiamento della pelle e previene o lenisce gli eritemi solari.

Se preso con moderazione e rispettando tutti gli accorgimenti del caso, il sole apporta anche degli importanti benefici al nostro organismo come rinforzare le ossa stimolando l’organismo a produrre la vitamina D e l’aumento delle difese immunitarie.

Viaggiare in compagnia…senza il mal d’auto!

Familydea Blog

 

Non vediamo l’ora di partire per le vacanze ma se soffriamo di chinetosi (o cinetosi) molto probabilmente abbiamo paura di affrontare un lungo viaggio in macchina. Un problema che potrebbe interferire anche con la nostra quotidianità, con le attività divertenti fra amici o con gli spostamenti casa-lavoro.

Conosciuta anche come “mal d’auto”, la chinetosi si caratterizza per un insieme di disturbi come nausea, vomito, vertigini, pallore e sudorazione dovuti ai ripetuti scuotimenti provocati da un mezzo in movimento. Un malessere abbastanza fastidioso che colpisce molte persone durante un viaggio in auto, in particolare i bambini dai 3 ai 12 anni, ma che può verificarsi anche quando siamo in volo, in mare o su altri mezzi di trasporto.

Come evitare il mal d’auto

Ecco alcuni rimedi naturali da tenere a mente per viaggiare più sereni:

  • Evita gli odori forti. Ulteriori sollecitazioni per gli organi di senso, come odore di fumo, benzina, profumi, odori legati al cibo, possono accentuare il mal d’auto.
  • Guarda sempre avanti. Avere un punto fisso davanti su cui concentrare lo sguardo permette di tenere sotto controllo l’orecchio interno, gli occhi e il sistema nervoso. Concentra tutta la tua attenzione su quel punto senza perderlo di vista e resisti alla tentazione di guardare attraverso il finestrino laterale.
  • Usa l’aria condizionata senza esagerare. Sarebbe preferibile aprire un po’ il finestrino e far entrare una leggera brezza, ma in alternativa accendi il condizionatore evitando, però, una temperatura troppo bassa e inferiore ai 23 gradi.
  • Canta! La distrazione dal senso di nausea e il divertimento sono assicurati.

Ora sei pronto a salire in macchina e.. enjoy your trip!

Posizione alla guida: come viaggiare sicuri e evitare il mal di schiena

Familydea Blog
Posizione alla guida

 

Qualche ora oggi, qualche ora domani e il tempo che trascorriamo in auto diventa davvero rilevante. Tuttavia, quando saliamo in macchina capita spesso di non prestare attenzione ad un particolare importante: la corretta posizione alla guida.

È stato dimostrato che esiste una correlazione diretta tra il numero di ore di guida e l’incidenza dei disturbi muscolo-scheletrici, dolori lombari in particolare. Le  persone che guidano per più di 20 ore a settimana sono a maggiore rischio di sviluppare patologie, il 65% ca. dei guidatori per lavoro soffre di dolori lombari, il 43% di dolori cervicali ed il 40% di dolori alle spalle.

Adottare una postura idonea al volante non solo migliora la sicurezza stradale e le nostre capacità di guida ma soprattutto riduce gli effetti deleteri dell’auto sulla salute della nostra schiena, e non solo.

I consigli per una corretta posizione alla guida

🚘 Altezza del sedile. Alzare il sedile tanto da migliorare la vista in avanti e l’uscita dall’auto senza compromettere l’uso del volante consente al collo e a tutta la colonna vertebrale di mantenere una posizione confortevole.

🚘 Lunghezza del sedile. Spostare il sedile in avanti o indietro in modo da tenere le gambe semi-piegate con un angolo di circa 120° non solo garantisce un buon comfort ma permetterà di evitare, in caso di incidenti, possibili infortuni alle nostre articolazioni inferiori.

🚘 Inclinazione schienale. Regolare lo schienale a circa 15-20° rispetto la verticale e tenere le mani sul volante nella posizione corrispondente a “ore 9.15” per sterzare agevolmente senza costringere le braccia a dannosi movimenti ripetuti a fine corsa.

🚘 Poggiatesta. Il poggiatesta va posizionato vicino al capo poco sopra l’altezza degli occhi per evitare il colpo della frusta in caso di incidente; inoltre la giusta posizione aiuta a rilassare i muscoli del collo durante la guida.

I benefici di una corretta posizione alla guida, dunque, sono molteplici perciò anche se inizialmente potremmo non trovarci molto comodi, è fondamentale non demordere. Attenzione però, tutti questi accorgimenti vanno fatti prima di metterci al volante, non mentre guidiamo!

Sicurezza in moto: precauzioni e consigli per spostarsi con le due ruote

Familydea Blog
Sicurezza in moto

 

Siamo ormai nel vivo della primavera: le giornate sono sempre più belle, le ore di luce sono aumentate e le temperature si alzano giorno dopo giorno. La voglia di due ruote si fa sempre più forte! Prima di tirare fuori la moto dal garage, però, è importante effettuare gli opportuni controlli per evitare di fermarci a metà strada ma, soprattutto, di trovarci coinvolti in possibili incidenti.

Gli ultimi dati sugli incidenti in moto

L’ultimo rapporto ACI-ISTAT con i dati sull’incidentalità ha confermato come quella dei motociclisti, insieme a pedoni e ciclisti, sia tra le categorie più a rischio sulla strada in quanto più esposta perché sprovvista di protezioni esterne: in Italia nel 2017 sono aumentati gli incidenti fra motociclisti, e purtroppo anche la mortalità (735; +11,9%).

Raccomandazioni per la sicurezza

Controlla gli pneumatici: la pressione deve corrispondere a quella indicata dalla casa costruttrice; l’usura si verifica guardando il battistrada e valutandone, eventualmente con il parere di un professionista, l’affidabilità

Verifica che tutte le luci funzionino: tutte le lampadine dovranno accendersi regolarmente, anche quella degli stop. È importante verificare che i coperchietti copri luci non siano allentati

Controlla l’usura dei freni e il livello dell’olio: il liquido all’interno delle vaschette dei freni deve essere sufficiente, altrimenti va rabboccato, ma non prima di aver sostituito le pastiglie dei freni. I dischi dei freni devono avere un consumo regolare e senza scalinature, né rigature e lo spessore non deve essere inferiore a quello indicato sul disco stesso. Il livello dell’olio motore deve essere sempre sufficiente, mai al di sotto della tacca che indica “min” e mai al di sopra di quella che indica “max”

Fai il check della trasmissione: pignone, catena e corona devono essere controllati perché regolarmente esposti alle intemperie

Ricordati di indossare sempre casco e paraschiena: il casco integrale è la scelta migliore poiché garantisce protezione in ogni situazione e limita al massimo i possibili danni per la testa e il volto in caso di incidenti o cadute. Il paraschiena, invece, riduce del 40% il rischio di lesioni spinali in caso di impatto con l’asfalto

E da un punto di vista assicurativo, quali precauzioni possiamo adottare?

Per proteggere la moto e le persone a bordo e per tutelarsi dai danni che si potrebbero involontariamente causare ad altre persone o ad altri veicoli durante la guida e ricevere copertura per incendio, furto e assistenza in caso di bisogno, ITAS ha pensato alla protezione per te DIMENSIONEAUTO-CICLOMOTORI.

DIMENSIONEAUTO-CICLOMOTORI è un prodotto ITAS MUTUA. Prima della sottoscrizione leggi il set informativo disponibile in agenzia o su www.gruppoitas.it.

Come divertirsi “sicuramente” sulla neve

Familydea Blog
come divertirsi sicuramente sulla neve

 

Approfittare della neve prima che la primavera (ormai alle porte) scaldi le piste, è sicuramente un’ottima occasione per respirare aria pulita e per fare attività fisica.

Da soli o in compagnia, il paesaggio invernale della montagna assicura ore di divertimento, movimento, ma anche relax. Si può godere dell’ospitalità di chalet e rifugi, fare lunghe passeggiate e, ovviamente, lanciarsi nelle piste predisposte per ogni livello di abilità. In quest’ultimo caso, e comunque si affrontino le discese, con sci, snowboard o slittino è fondamentale rispettare le regole e tutti gli accorgimenti per non incorrere in brutte esperienze.

Le cronache, purtroppo ormai ogni inverno, ci raccontano di incidenti, anche gravi, che potevano essere evitati semplicemente rispettando i segnali appositi e la natura!

I responsabili delle strutture hanno l’obbligo della messa in sicurezza degli impianti sciistici indicando con apposite segnalazioni il grado di difficoltà delle piste, le precedenze e gli ostacoli che devono essere opportunamente evidenziati, tenendo conto di ogni condizione di visibilità. Ognuno di noi, comunque, deve tener conto che anche sulla neve esiste l’educazione stradale e che il rispetto per la natura riguarda tutti, esperti e principianti, ed è un fattore assolutamente necessario per evitare di procurarci inconvenienti.

I comportamenti da evitare in ogni caso:

 Scendere su piste chiuse e segnalate come pericolose, solo per approfittare della neve fresca e non battuta. Questo comportamento, spesso, provoca risposte naturali e incontrollabili dell’ambiente circostante

Non tenere conto delle condizioni meteorologiche che, ricordiamocelo, mutano rapidamente in montagna

Affrontare le discese senza mai fermarsi, a volte si sottovaluta che l’aria rarefatta della montagna brucia molto più ossigeno e ciò può provocarci perdita di forze improvvisa

Non essere attrezzati adeguatamente. Oggi esistono tecnologie all’avanguardia, abbigliamenti tecnici e supporti portatili (cellulari, GPS, App, geolocalizzazione, gruppi di chat) a cui possiamo affidarci per evitare freddo, danni per cadute accidentali e perdita dell’orientamento

Divertirsi in modo spensierato è possibile, basta tenere presenti le buone regole e premunirsi!

La polizza PER TE di ITAS prevede una copertura infortuni anche per le attività che svolgiamo nel nostro tempo libero (prima della sottoscrizione leggere il fascicolo informativo). Se poi il capofamiglia si vuole tutelare anche da danni a terzi che incidentalmente possono accadere, basta accedere alla copertura HABITAS +.

Ghiaccio sul parabrezza: errori da evitare e soluzioni sicure

Familydea Blog
Come sbrinare il ghiaccio sul parabrezza

Come sbrinare il ghiaccio sul parabrezza

Mattina presto. Esci. Devi andare a lavorare. Sei in ritardo. E…sorpresa!

Un bel lastrone di ghiaccio ti aspetta abbracciato al parabrezza della tua macchina!

Soluzioni possibili

 Un asciugacapelli collegato all’accendisigari della macchina: massima attenzione perché acqua ed elettricità non vanno d’accordo

 Chiodi e martello: massima attenzione perché, oltre a non risolvere il problema, rischi di fare uno scivolone e rimanere “inchiodato” a terra

 Il gatto del vicino: massima attenzione sia al gatto che al vicino, entrambi possono essere non collaborativi

Soluzioni sicure

Dato che a volte, anche le cose più semplici possono creare inconvenienti seri, è il caso di affidarsi a chi ha già pensato a come risolverli.

Il consiglio di ITAS è assicurarsi di avere una buona copertura infortuni, che ti lasci libero dalle preoccupazioni e sia pensata per:

– Proteggere dagli infortuni che possono accadere durante il lavoro e il tempo libero

– Tutelare economicamente la famiglia in caso di infortunio, cure costose o morte dell’assicurato

Scegli ITAS e le soluzioni pensate PER TE.

 

 

SICUREZZA IN RETE: attenzione a come acquistiamo online!

Familydea Blog

 

Molto spesso in ambito assicurativo, si è attratti da offerte che promettono un grande risparmio, salvo poi rendersi conto che il prezzo non è sempre l’argomento più interessante.

Quando stiamo pensando alla nostra sicurezza personale, soffermiamoci anche su quella dei nostri dati!

Le misure che adottiamo per impedire l’alterazione e l’accesso alle nostre informazioni personali, non sono sempre sufficienti a scongiurare qualsiasi attacco.

Ecco 3 azioni utili per tutelarci quando ci troviamo ad esempio di fronte ad una proposta assicurativa su internet:

1. Prestare molta attenzione a tutte le clausole previste nel contratto, spesso qui si celano le maggiori “criticità” e a valutare con attenzione che i massimali assicurati ci proteggano in modo sufficientemente efficace

2. Accettare solo offerte complete di condizioni economiche e generali in modo da poter valutare tutti gli aspetti relativi ai nostri bisogni di tutela e al rapporto che instauriamo con l’assicurazione

3. Diffidare di proposte poco chiare, che richiedono dati personali e fiscali e che non consentono di poter contattare operatori o agenzie vicine per chiarimenti

E poi, non dimentichiamo i consueti accorgimenti di uso generale per la tutela dei nostri dati nel web:

Cambiare spesso le password, anche degli accessi alla rete sia lavorativa che domestica

Evitare di scrivere credenziali per account su agende elettroniche e smartphone, ma conservarle sempre in posti sicuri

Usare Antivirus

Aggiornare sempre i sistemi operativi per aumentare il grado di sicurezza dei nostri PC

Del resto, bisogna tenere presente che la rete consente di effettuare operazioni ed attività in modo comodo, rapido e personalizzato, ma se vogliamo averne tutti i vantaggi, dedichiamo qualche minuto alla nostra sicurezza, ci permetterà di limitare i problemi prima evitandoci amare sorprese in tema di coperture e clausole.

ITAS con la sua assistenza puntuale e personalizzata è a disposizione per garantire e proteggere la tua famiglia, la tua azienda, il tuo futuro nel totale rispetto della privacy.

Come controllare la macchina prima di un viaggio

Familydea Blog
Come controllare la macchina

 

Giornate di esodo e grandi partenze! Nel momento di salire in auto, però, ti assale un enorme dubbio: sarà tutto a norma e perfettamente funzionante o rischio di fermarmi a metà strada, per qualche problema amministrativo o tecnico? Ecco, allora, alcune indicazioni su come controllare la macchina e viaggiare sereno.

 

Raccomandazioni per la sicurezza

Molto interessanti sono gli accorgimenti per la tua sicurezza pubblicati da AltroConsumo, che raccomanda:

  Assicurarsi che la revisione dell’auto sia in regola o rivolgersi a un’officina per effettuare tutte le verifiche necessarie

  Rabboccare il liquido lavavetri e controllare le spazzole tergicristallo

  Verificare il funzionamento di tutte le lampadine e controllare l’altezza dei fari

  Controllare il corretto funzionamento dell’aria condizionata: quando un abitacolo raggiunge una temperatura elevata può avere effetti deleteri sull’attenzione del guidatore

  Verificare la pressione dei pneumatici e lo spessore del battistrada: la profondità del battistrada deve essere di almeno 3 mm

  Controllare il livello dell’olio motore: è importante tenere sempre una confezione di olio di scorta nel bagagliaio

  Verificare le condizioni della ruota di scorta: avere in macchina la ruota di scorta non è sufficiente se gli strumenti necessari per un eventuale cambio non sono in buone condizioni

  Assicurarsi di avere il seggiolino omologato e idoneo all’età

Assicurazione

Fondamentale è il controllo della regolarità dell’assicurazione e la sua copertura. Una buona Polizza dovrebbe risarcire:

 Massimale di copertura adeguato

 Infortuni subiti dal conducente durante la guida.

 Le spese sostenute per:

Riparazioni, traino, recupero, demolizione del veicolo in seguito a guasto, furto o incidente. Comprende anche il veicolo sostitutivo, le spese per albergo, accompagnamento minori, rientro sanitario

– Duplicazione dei documenti, ripristino airbag, perdita chiavi

 I danni materiali causati all’auto da:

– Collisione con veicoli non assicurati

– Tentativi di furto o rapina del veicolo e del suo contenuto o che potrebbero causare i ladri guidando l’auto

– Vento forte, trombe d’aria, grandine

 Le spese sostenute per frequentare un corso valido per recuperare i punti perduti della patente

Deve, inoltre, garantire la difesa degli interessi del socio assicurato in sede giudiziale ed extragiudiziale per controversie legate alla circolazione del mezzo. Comprende le spese processuali e di giustizia, le spese per l’intervento dei legali, dei consulenti tecnici, dei periti.

Con le Polizze multirischio ITAS puoi assicurare tutti i tuoi veicoli. 

Il tagliando RCA

Non disperare se non trovi il vecchio “tagliando” assicurativo RCA perché al momento del rinnovo della polizza RCA occorre unicamente conservare il certificato di assicurazione, da mostrare alle forze dell’ordine in caso di necessità.

Il tagliando non serve più perché le informazioni di tutti i mezzi di trasporto sono ora in una banca dati, a disposizione delle autorità, un modo efficace per individuare e smascherare tentativi di frodi e truffe.

Se vuoi sapere se la tua assicurazione è in regola, inserisci la targa e digita un codice di sicurezza  sul sito www.ilportaledellautomobilista.it.

Buone vacanze!

Le precauzioni da adottare per sciare in sicurezza

Familydea Blog
Precauzioni per sciare in sicurezza

I consigli degli esperti per trascorrere al meglio una giornata sulle piste

 

La neve tanto attesa dagli appassionati di sci è arrivata. Per sciare in sicurezza, però, controllare l’attrezzatura e adottare un abbigliamento corretto da soli non sono sufficienti!

 

Le buone azioni dello sciatore

 

Per divertirsi fino in fondo e sciare in sicurezza, è meglio ripassare le buone azioni dello sciatore responsabile:

  Un po’ di allenamento è fondamentale: una buona gamba ci fa stare più tranquilli e godere di più una giornata di sport all’aria aperta.

  Indossare il casco: per i ragazzi fino ai 14 anni è obbligatorio, ma è utile per tutti. Usiamolo!

  Rispettare la distanza di sicurezza dagli altri sciatori, specie quando si sorpassa: è possibile farlo a monte o a valle, dalla destra o dalla sinistra, purché venga lasciato sempre spazio di manovra agli altri sciatori.

  Sostare a bordo pista, mai nei passaggi obbligati o senza visibilità: in caso di caduta bisogna spostarsi ai lati della pista per non creare problemi agli altri.

  Dare la precedenza agli incroci: come in automobile ricordiamoci di far passare chi viene da destra.

  Prestare soccorso a una persona infortunata.

  Adattare la velocità:  le proprie capacità, le condizioni della pista, del tempo atmosferico e la densità del traffico sono fattori da tenere sempre a mente.

 

E da un punto di vista assicurativo, quali precauzioni possiamo adottare?

 

Munirsi di una copertura assicurativa adeguata è non solo utile e opportuno, ma è sempre una scelta responsabile.

Basta infatti una piccola distrazione, la velocità sostenuta con cui si affronta una discesa o un dosso, qualche piccola imprudenza per farci perdere l’equilibrio.

Le conseguenze? Meglio se nessuna, ma anche un piccolo infortunio fastidioso ci può impedire, per esempio, di svolgere per un po’ di tempo la nostra attività o ci costringe ad affidarci a forme di assistenza domiciliare durante la nostra temporanea inabilità.

Non solo. Gli incidenti sciistici possono causare danni fisici importanti agli sciatori che involontariamente abbiamo urtato, anche in modo non violento. Le lesioni che causiamo, i danni alle cose (attrezzatura compresa) fino ad arrivare alle conseguenze più gravi possono essere fronteggiati con maggiore serenità in presenza di un’idonea copertura assicurativa.

ITAS ti protegge con un servizio assicurativo che risponde alle tue necessità, dalla polizza infortuni alla copertura Rc del capofamiglia.

Un bravo sciatore è anche sempre informato: consulta il consulente assicurativo ITAS e il portale www.gruppoitas.it, troverai le risposte che ti servono.